Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com Scuola, studentesse e studenti si raccontano sui social a pochi giorni dalla Maturità. - Sardegnagol

Scuola, studentesse e studenti si raccontano sui social a pochi giorni dalla Maturità.

L’Esame di Stato si avvicina e sui social del Ministero dell’Istruzione gli studenti e le studentesse hanno deciso di raccontare la loro attesa prima della prova attraverso le stories su Instagram.

L’Esame del secondo ciclo avrà inizio a breve, il prossimo 16 giugno, alle ore 8.30. Il Ministero, in questi mesi di preparazione, ha affiancato le scuole, i docenti, studentesse e studenti con la pubblicazione di documenti, pagine dedicate sul sito web, faq, rubriche e materiali sui canali social, trasmissioni televisive realizzate in collaborazione con la RAI.

In particolare, attraverso “La Scuola in Tivù – Percorsi di Maturità”, gli esperti individuati dal Ministero hanno illustrato, puntata dopo puntata, cosa è e come si struttura l’elaborato che apre quest’anno la prova orale, come si articola il colloquio, come si compone e si compila il Curriculum dello Studente.

LEGGI ANCHE:  La solidarietà degli odontoiatri per gli operatori sanitari di Sassari

Studenti e studentesse hanno potuto poi ripassare, in queste settimane, anche grazie a ‘Maturadio’, il programma di podcast didattici (250 puntate in tutto) disponibile su Spotify.

Sono stati poi oltre 750mila i contatti raggiunti con la rubrica #MiRisponde, su Instagram, nata per raccogliere e rispondere a dubbi e domande di studentesse e studenti sugli Esami di Stato. Il 16 maggio, a un mese dall’inizio degli Esami, è stato il divulgatore Piero Angela a salutare i ragazzi e le ragazze, ricordando anche la sua Maturità. In questi giorni che precedono l’Esame, il Ministero lancerà anche #MiRicordo, un racconto dal basso, collettivo, legato alla Maturità: ciascuno potrà utilizzare l’hashtag dedicato per lanciare un proprio ricordo relativo agli esami.

LEGGI ANCHE:  Maturità, Bianchi: "Comincia una fase nuova della vita". In Sardegna ammesso il 91,50% degli studenti.

foto Lalupa licenza CC BY-SA 3.0