Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com Dl Sostegni. 4 milioni per il comparto della ceramica artistica tradizionale. - Sardegnagol

Dl Sostegni. 4 milioni per il comparto della ceramica artistica tradizionale.

Arriva una buona notizia per il comparto della ceramica artistica tradizionale, con il via libera dal Senato a due emendamenti presentati al Dl Sostegni – prima firma rispettivamente del senatore Gabriele Lanzi (M5S) e del senatore Stefano Collina (PD), entrambi aderenti all’Intergruppo parlamentare per le città della ceramica artistica e tradizionale -, a sostegno del comparto, come annunciato oggi dal deputato Gianpaolo Cassese: “Approvati dalla commissione congiunta Bilancio e Finanze del Senato  gli emendamenti presentati al DL Sostegni che incrementano di 2 milioni di euro il fondo previsto dal DL Rilancio per sostenere il comparto della ceramica artistica e tradizionale rendendo disponibili 4 milioni di euro che potranno essere utilizzati dal settore nel 2021”.

LEGGI ANCHE:  La Giunta Solinas approva il Piano della politica linguistica

“In fase di approvazione in commissione siamo riusciti ad incrementare ulteriormente il fondo, rispetto la richiesta iniziale, passando da 3 mln a 4 mln di euro – spiega Cassese – E’ un risultato importante, frutto dell’impegno dell’Intergruppo parlamentare nato nei mesi scorsi, che sta dando i suoi primi risultati. Attendiamo ora il passaggio del provvedimento alla Camera per rendere disponibili le risorse”.

“Mai come in questo momento segnato da enormi difficoltà economiche e sociali, in cui interi comparti produttivi del Paese sono in ginocchio, è necessario che la politica eviti divisioni e si occupi solo dell’interesse comune a tutela delle fasce più colpite dalla crisi. Noi come Intergruppo stiamo provando a percorrere questa strada avendo come unico obiettivo quello di dare risposte concrete al mondo della ceramica, tassello d’eccellenza del made in Italy, che rischia concretamente di scomparire. Questo – conclude il deputato – va evitato assolutamente, non solo per le conseguenze che la chiusura delle botteghe artigiane radicate in tutto il territorio nazionale comporterebbe sul piano economico ed occupazionale, ma anche su quello storico, culturale, identitario di ogni singolo territorio di cui l’arte ceramica è espressione”.

LEGGI ANCHE:  Il punto del Quirinale sulle ultime vicende del mondo giudiziario