Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com Scuola, definiti i criteri per le borse di studio 20/21. - Sardegnagol

Scuola, definiti i criteri per le borse di studio 20/21.

Sono stati approvati i criteri e le modalità per l’erogazione delle borse di studio per l’anno scolastico 2020/2021 a favore degli studenti residenti in Sardegna iscritti agli istituti della scuola secondaria di secondo grado, statali e paritarie. Per la Sardegna è stato stanziato un milione e 246 mila euro dalla ripartizione nazionale.

Potranno accedere al beneficio le famiglie con un livello di ISEE non superiore ai 15.748 euro e l’importo delle borse di studio dovrà essere determinato in misura non inferiore a 200 euro e non superiore a 500.

“Abbiamo deciso di confermare i criteri – ha rimarcato Biancareddu – per l’accesso, previsti negli anni precedenti, individuando il limite massimo dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) delle famiglie degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado statali e paritarie che potranno beneficiare della borsa di studio. Sarà adesso compito dei Comuni di residenza degli studenti, trasmettere alla Regione gli elenchi dei ragazzi che presenteranno le istanze ammesse, affinché gli uffici possano provvedere al più presto alla stesura della graduatoria unica Regionale in ordine crescente di ISEE, riconoscendo la precedenza allo studente più giovane d’età in caso di parità di ISEE”.

LEGGI ANCHE:  Spettacolo, Biancareddu: "Tavolo con tutti i soggetti"

L’elenco dei beneficiari, individuati dai Comuni, sarà a sua volta trasmesso al Ministero, il quale provvederà ad effettuare i pagamenti agli studenti inseriti nella graduatoria regionale mediante il sistema dei bonifici domiciliati.

“Solleciteremo le amministrazioni Comunali – conclude Biancareddu – a ricevere in tempi ragionevoli le istanze di accesso alla borsa di studio degli studenti residenti nel loro territorio, sulla base delle indicazioni che saranno loro fornite dalla Direzione generale della Pubblica Istruzione”.

Foto Sardegnagol, riproduzione riservata