Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com Cinema, Franceschini designa Marta Donzelli presidente del Centro sperimentale. Dopo Zuchtriegel a Pompei un altro salto generazionale. - Sardegnagol

Cinema, Franceschini designa Marta Donzelli presidente del Centro sperimentale. Dopo Zuchtriegel a Pompei un altro salto generazionale.

“Sarà la produttrice cinematografica Marta Donzelli la nuova presidente del Centro Sperimentale di Cinematografia”. Lo rende noto il Ministro per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, Dario Franceschini, che ha avviato le procedure di nomina del Presidente e del Cda della Fondazione Csc. Gli altri componenti del Cda indicati dal Ministro sono: Cristiana Capotondi; Guendalina Ponti; Andrea Purgatori. 

Le designazioni saranno ora trasmesse alle commissioni Cultura di Camera e Senato per il passaggio parlamentare.

“Sono felice che Marta Donzelli e gli altri componenti del Cda abbiano accettato questo prestigioso incarico. Sono certo che sapranno guidare con visione il Centro Sperimentale e affrontare le numerose sfide che l’era digitale impone al cinema e all’audiovisivo” ha commentato Franceschini augurando “buon lavoro a Donzelli e all’intero Cda. Dopo la nomina di Zuchtriegel a Pompei – ha sottolineato Franceschini – un altro salto generazionale con una donna Presidente dinamica e innovativa”. “Il Centro Sperimentale di Cinematografia – ha concluso il Ministro – è un’eccellenza italiana di cui essere orgogliosi che ha formato numerose generazioni di artisti stimati e riconosciuti in tutto il mondo. Ringrazio il Cda uscente e il suo presidente Felice Laudadio per l’importante lavoro che hanno svolto negli ultimi anni”. 

Del nuovo Cda faranno parte, inoltre, Marta Donzelli (produttrice cinematografica), fondatrice della Vivo film, una casa di produzione indipendente e membro del Board dell’EFA, la European Film Academy; Cristiana Capotondi (attrice); Guendalina Ponti (avvocato), specializzata in diritto d’autore, diritto cinematografico, proprietà intellettuale ed in diritto internazionale cinematografico; Andrea Purgatori (giornalista, sceneggiatore e attore), inviato del Corriere della Sera dal 1976, in Iraq, Iran, Algeria, si è occupato di terrorismo nazionale e internazionale come il rapimento di Aldo Moro, la strage di Ustica e di delitti di mafia. Membro, ancora, del Direttivo dell’Accademia del cinema italiano e dell’European Film Academy. È stato Presidente di Greenpeace e consigliere di gestione della Siae in rappresentanza degli autori di cinema italiani.

LEGGI ANCHE:  Remo Girone: "Abbiamo bisogno di aiutarci l'uno con l'altro"

Fondata nel 1935, la Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia è parte viva del contesto scientifico e culturale contemporaneo, e imprescindibile punto di riferimento per il cinema italiano e mondiale. La Fondazione è articolata in due principali settori: la Scuola Nazionale di Cinema, impegnata da ottant’anni nella formazione d’eccellenza per le professioni del cinema e la Cineteca Nazionale, uno dei più antichi e importanti archivi cinematografici del mondo. 

La Cineteca Nazionale, in particolare, raccoglie, preserva e restaura il patrimonio filmico delle opere cinematografiche di produzione e coproduzione italiana. Svolge, in Italia e all’estero, un ruolo di diffusione, valorizzazione e promozione di tale patrimonio culturale, anche mediante convenzioni con enti, istituzioni, festival, scuole, università e associazioni culturali.​

LEGGI ANCHE:  Progetto Ventotene. L'ex carcere borbonico diventerà il simbolo dell'europeismo.

foto Saliko da Pixabay