Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com Porto Canale, Piero Comandini: "Istituire un’agenzia di transhipment formativo sul modello Taranto". - Sardegnagol

Porto Canale, Piero Comandini: “Istituire un’agenzia di transhipment formativo sul modello Taranto”.

A seguito delle problematiche legate all’individuazione di un nuovo terminalista per la gestione delle banchine del Porto Canale di Cagliari, continua a destare preoccupazione il futuro del Porto Canale di Cagliari e, soprattutto, il mantenimento dei livelli occupazionali. Una criticità sulla quale era intervenuta l’opposizione in Consiglio regionale con la mozione 376 – primo firmatario l’esponente del Partito Democratico Piero Comandini – chiedendo la riconvocazione di un tavolo ministeriale per valutare la possibilità di istituire un’agenzia di transhipment formativo per i 192 lavoratori dell’ex CICT attualmente in NASPI, e di altri lavoratori attualmente in cassa integrazione, sul modello Taranto port workers agency Srl, così da salvaguardare sia le significative professionalità maturate in questi anni che i fondi pubblici regionali stanziati per la loro formazione.

Piero Comandini, Foto Sardegnagol, riproduzione riservata, 2020 Gabriele Frongia
Piero Comandini, Foto Sardegnagol, riproduzione riservata

“E’ assolutamente urgente – per Piero Comandini – che il Presidente dell’esecutivo si impegni, in sinergia con l’Autorità Portuale e con il Governo per istituire un’agenzia di transhipment formativo sul modello Taranto, così da salvaguardare sia la professionalità dei lavoratori sia i fondi pubblici regionali stanziati per la loro formazione”.

LEGGI ANCHE:  Il Presidente Solinas incontra il nuovo arcivescovo di Cagliari

Tra le soluzioni consigliate nella mozione per il rilancio del Porto Canale, l’istituzione della ZES e l’abbattimento delle tasse di ancoraggio: “E’ necessario – conclude Comandini – applicare le leggi e le norme per facilitare l’immediata disponibilità dei vantaggi fiscali così da favorire l’insediamento di attività logistiche e produttive e di nuovi soggetti in una logica di filiera produzione, magazzinaggio e movimentazione: istituire, ancora, la ZES, le aree logistiche integrate, le zone franche puntando a rendere immediatamente operativo un polo produttivo e logistico di sicuro interesse specializzato in determinate merci, misure in grado di attirare nuovi investitori interessati al rilancio del Porto Canale di Cagliari“.

foto AdSP del Mare di Sardegna

LEGGI ANCHE:  Porto Canale. Videoconferenza sul futuro dei lavoratori.