Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com Inclusione, inviato alle Istituzioni scolastiche il modello nazionale del Piano Educativo Individualizzato. - Sardegnagol

Inclusione, inviato alle Istituzioni scolastiche il modello nazionale del Piano Educativo Individualizzato.

Arriva nelle scuole il nuovo modello nazionale del PEI, il Piano Educativo Individualizzato, per alunne e alunni con disabilità. Il documento, molto atteso, è stato inviato questa mattina agli Istituti scolastici, dall’infanzia alla secondaria di secondo grado, corredato da apposite Linee Guida.

Si tratta del documento che contiene la progettazione individualizzata per studenti/esse con disabilità per garantirne l’inclusione scolastica, con le indicazioni sulle professionalità necessarie, strumenti di supporto, interventi educativo-didattici, obiettivi e le modalità di valutazione. Il PEI esplicita, infatti, le modalità di sostegno didattico, compresa la proposta del numero di ore di sostegno alla classe, le modalità di verifica, i criteri di valutazione, gli interventi di inclusione svolti dal personale docente nell’ambito della classe e in progetti specifici, la valutazione in relazione alla programmazione individualizzata, gli eventuali interventi di assistenza igienica e di base, la proposta delle risorse professionali da destinare all’assistenza, all’autonomia e alla comunicazione.

LEGGI ANCHE:  Cultura e istruzione. Istruzioni per l'esercizio finanziario dell'Unione

Come previsto dal Ministero dell’Istruzione, il PEI sarà redatto dal Gruppo di Lavoro Operativo per l’inclusione (il GLO) coinvolgendo l’intero team dei docenti di classe, le famiglie, gli operatori sanitari affermando, nelle ambizioni del modello, il principio della presa in carico dell’alunno disabile da parte di tutta la comunità scolastica.

Lucia Azzolina, foto Governo.it
Lucia Azzolina, foto Governo.it

“Previsto da una norma del 2017, il nuovo PEI è rimasto a lungo in lavorazione, senza che si arrivasse mai a emanarlo – ricorda la Ministra Lucia Azzolina – Quando mi sono insediata ci siamo messi subito al lavoro, con le strutture ministeriali e, in particolare, con chi si occupa di inclusione, per emanare uno strumento in grado di aiutare a migliorare la qualità dell’inclusione. Abbiamo lavorato a stretto contatto con le Associazioni che rappresentano alunne e alunni con disabilità, con le scuole, con gli insegnanti. Da oggi si apre un nuovo capitolo per l’inclusione,  che resta per noi centrale. Non a caso, abbiamo previsto nella legge di bilancio appena approvata un piano per l’assunzione di 25mila docenti di sostegno”.

LEGGI ANCHE:  Digitale, Avviso 'smart class'. 609mila euro per le scuole dell'Isola

foto Sardegnagol riproduzione riservata