Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com Diversity Media Awards: Emma Marrone personaggio dell'anno. - Sardegnagol

Diversity Media Awards: Emma Marrone personaggio dell’anno.

La quinta edizione degli “Oscar dell’Inclusione”, organizzati dalla no-profit Diversity ha premiato contenuti mediali e personaggi che nel 2019 hanno contribuito ad una rappresentazione valorizzante e inclusiva delle persone e delle tematiche legate alla diversity.

Per l’edizione 2020 i premi sono stati assegnati a Emma Marrone (Personaggio dell’anno) Propaganda Live (Miglior programma TV) Mio Fratello rincorre i dinosauri (Miglior film italiano) La compagnia del cigno (Miglior serie TV) Euphoria (Miglior serie TV straniera) Ordinary Girls su ‘Radio Popolare’ (Miglior programma radio) Love People not Labels per OVS (Miglior campagna pubblicitaria) Fumettibrutti (Influencer dell’anno) Profilo di Venti (Miglior prodotto digitale) Berry Bees (Miglior serie KIDS).

Durante la cerimonia di premiazione sono stati attribuiti anche i riconoscimenti all’informazione: Miglior servizio TG a TG1 (per il servizio Divano, addio firmato da Paolo Sommaruga) Miglior Articolo Stampa Quotidiani a Il Fatto Quotidiano (per l’articolo Io survivor dell’esercito dei morti invisibili firmato da Maddalena Oliva) Miglior Articolo Stampa Periodici a L’Espresso (L’Italia è omofoba firmato da Simone Alliva) e Miglior Articolo Stampa Web a donnamoderna.com (E se la menopausa non esistesse? firmato da Elisa Venco).

LEGGI ANCHE:  Torna l'Accademia internazionale di musica. Giovani musicisti da tutta Europa
Diversity Media Awards 2020

Una edizione particolare e diversa dalle precedenti per la Presidente di Diversity, Francesca Vecchioni: “Abbiamo ritenuto fondamentale, ancor di più quest’anno, celebrare chi nei media favorisce una rappresentazione valorizzante delle diversità: il digitale ci ha permesso di raggiungere e avere con noi anche amiche e amici lontani, e giocare ancora di più con la creatività”.

Nati nel 2016 come riconoscimento dedicato alla rappresentazione nei media di persone e temi LGBT+ e da sempre attenti all’intersezionalità del racconto in relazione alla diversity, dalla scorsa edizione i Diversity Media Awards si estendono alla rappresentazione della diversità nelle aree genere e identità di genere, orientamento sessuale ed affettivo, etnia, età e generazioni, disabilità.

LEGGI ANCHE:  “Palazzo Davanzati. Il sogno di un’antica dimora”

Foto Jordy Morell