Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com Aou Sassari: una video intervista contro le fake news. - Sardegnagol

Aou Sassari: una video intervista contro le fake news.

Nei giorni scorsi, secondo la direzione strategica dell’Aou Sassari, sono state diffuse via web alcune immagini girate furtivamente all’interno del reparto al sesto piano del Santissima Annunziata. Il video, attribuito a una fonte anonima, era accompagnato da un commento con il quale si criticava la scelta aziendale di adottare una struttura amovibile per ospitare i pazienti Covid mentre – viene riportato – “sarebbe bastato sistemare il sesto piano del Palazzo Clemente”.

Una versione che per l’Aou Sassari rappresenta un vero e proprio atto di disinformazione, non essendo le immagini pubblicate e postate sui social network quelle della struttura di viale San Pietro ma, bensì, del sesto piano del Santissima Annunziata. Una ricostruzione, quindi, distorsiva della realtà dei fatti.

LEGGI ANCHE:  Aou Sassari, riapertura graduale

In un video della durata di circa 3 minuti, l’azienda ha voluto, quindi, replicare alla ricostruzione strumentale apparsa sul web, effettuando, in compagnia del direttore dell’Ufficio tecnico dell’Azienda di viale San Pietro, l’ingegner Roberto Manca, un sopralluogo al Clemente dove si spiega perché non sia stato possibile utilizzare né il sesto né il secondo piano di quel palazzo per realizzare reparti Covid. Sempre nello stesso video, ma questa volta con le immagini al sesto piano del Santissima Annunziata, sono stati mostrati gli interventi in atto sul quel reparto che, con la consegna dei lavori prevista entro fine anno alla ditta vincitrice della gara d’appalto, dovrà ospitare le degenze dell’Ortopedia e traumatologia.

LEGGI ANCHE:  Sensorabile. Turismo accessibile per sordi, ciechi e ipovedenti

“Spiace constatare ancora una volta – afferma la direzione strategica dell’Aou di Sassari – che si dia peso a notizie e immagini video senza una verifica. Quella delle fake news e video diffusi anche in maniera irresponsabile sembrano tutte mirare a ricostruzioni faziose e strumentali, atte ad alimentare nella popolazione un clima di incertezza e di sfiducia. Questo in un momento in cui, invece, la cittadinanza deve essere adeguatamente informata”.