Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com "Cali sensu": il nuovo singolo dei Balentia. - Sardegnagol

“Cali sensu”: il nuovo singolo dei Balentia.

Da oggi, sulle principali piattaforme digitali, è disponibile “Cali sensu”, il nuovo singolo della storica formazione del rap sardo Balentia, arrivata all’invidiabile traguardo dei 25 anni di attività.

Il singolo, pubblicato dall’etichetta Nu*ragika Recordz/Roots e prodotto da Mr.Rogga al secolo Cristian Campanella, producer astigiano di nascita ed andaluso di adozione, è stato registrato e mixato al Sonada Studio di Donori da Andrea Aru e Vladimiro Frau, e vede la partecipazione di Dj Wall Dot (Matteo Mura) campione italiano in carica dell’IDA – International DJ Association per la categoria Technical agli scratch.

Il brano è interamente in sardo ed affronta un tema molto caro al gruppo originario di Mogoro, ossia il riscatto sociale, ottenuto attraverso il lavoro. 

LEGGI ANCHE:  'classicalparco' : Paolo Arrivabeni dirige l’Orchestra del Teatro Lirico

“E’ un brano che ci rappresenta appieno” commenta Su Maistu, una delle due voci del gruppo “e che rappresenta nel migliore dei modi anche il momento di grande difficoltà che in molti stanno attraversando. Racconta la storia di un uomo che ha perso quasi tutto, e che si chiede quale sia il senso della sua esistenza, senza gli affetti, la casa, il lavoro. Ma che, grazie ad un amico che gli propone un impiego, sulla soglia oramai della disperazione, riesce a rivedere la luce. Il pezzo si chiude con un messaggio di speranza, che vuole essere di buon auspicio, anche in un periodo così difficile”.

LEGGI ANCHE:  Riforma dell'Ordine dei Giornalisti: il rilancio per la funzione del giornalismo

“Sono stati 25 anni intensi” commenta Lepa, l’altra metà dei Balentia “e ricchi di soddisfazioni. Attraverso la nostra musica abbiamo sempre provato a raccontare il mondo che ci circonda, alla nostra maniera. Speriamo di esserci riusciti e di continuare a diffondere i nostri messaggi ancora per tanto tempo: la musica può essere uno strumento micidiale, se usato correttamente”.