Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com Nefrologia di Ozieri, Leu Sardegna: "Grave carenza di medici". - Sardegnagol

Nefrologia di Ozieri, Leu Sardegna: “Grave carenza di medici”.

Questa mattina i Consiglieri regionali di Leu Sardegna, Daniele Cocco e Eugenio Lai, hanno presentato un’interrogazione per chiedere all’assessore regionale della Sanità “di porre immediatamente in essere una iniziativa che consenta l’assunzione in ruolo di almeno due medici da destinare all’ambulatorio di Nefrologia e Dialisi presso il Presidio ospedaliero di Ozieri attivando procedure di mobilità interna, attingendo dalle graduatorie ancora vigenti o attraverso procedure selettive straordinarie”.

“Nonostante le continue richieste di personale da parte della Direzione dell’Ospedale di Ozieri e segnalazioni da parte delle Organizzazioni sindacali, che sollecitano una soluzione organizzativa che possa sopperire a tale situazione, la Direzione dell’ATS Sardegna sembra sottovalutare il grave problema continuando ad effettuare assegnazioni e trasferimenti del personale medico presso altre strutture, come sta avvenendo in questi giorni con l’assegnazione di ulteriori due nefrologi alla Dialisi dell’Ospedale di Alghero (che ne conta già sei) e il mancato trasferimento di un internista a tempo determinato presso il reparto di Medicina di Ozieri”, ha aggiunto Daniele Cocco.

LEGGI ANCHE:  Emergenza ospedaliera. Il Ministero approva il piano regionale

Una situazione grave che dimostra l’incapacità dell’ATS Sardegna, per l’esponente regionale di Leu, di gestire l’operatività dei reparti, le assegnazioni e le richieste di mobilità interna del personale medico dei diversi Presidi regionali.

“Purtroppo – ha concluso Cocco – esiste la concreta possibilità che entro l’anno i servizi di Nefrologia e Dialisi erogati dall’ambulatorio di Ozieri siano drasticamente ridotti, o addirittura interrotti per i Centri di Bono e Thiesi, con gravi conseguenze per decine di pazienti, e per le loro famiglie, costretti a trasferirsi presso altre strutture dell’isola con disagi e costi legati alla particolare patologia e alle difficoltà di spostamento dai territori dell’interno”.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata, 2020