Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com Sicurezza, sport e turismo. 3 parole un solo evento, la BJJ Summer Week 2020. - Sardegnagol

Sicurezza, sport e turismo. 3 parole un solo evento, la BJJ Summer Week 2020.

Si riconferma un successo la Brazilian Jiu Jitsu Summer Week, evento internazionale ospitato per il quinto anno successivo nella città di Cagliari, registrando la partecipazione di 180 atleti provenienti da tutta Europa.

Brazilian Jiu Jitsu Summer Week

Una buona pratica sportiva e turistica organizzata in totale sicurezza, nonostante le difficoltà legate all’emergenza Covid-19, durante la quale i partecipanti hanno potuto partecipare al vasto programma di attività formative, svoltesi principalmente nel palazzetto del CONI di Monte Mixi, e conoscere i punti più caratteristici e identitari della Sardegna, regalandosi intensi momenti di relax.

Dalla giornata con lezioni di yoga nella splendida spiaggia di Chia al tour con le guide turistiche alla scoperta di Cagliari, giusto per citarne alcuni.

LEGGI ANCHE:  Dinamo. Il punto di vista del preparatore Matteo Boccolini
Un momento della Bjj Summer Week 2020

“In tanti, affascinati dalle bellezze della Sardegna, hanno deciso di trattenersi più a lungo”, spiega Alessandro Argiolas, presidente dell’associazione organizzatrice S’Animu. “È stata un’occasione incredibile per far conoscere l’Isola anche ai 70 ospiti, accompagnatori degli atleti: una grande soddisfazione per noi riuscire ad organizzare in questo anno difficile un evento internazionale così importante”.

Una manifestazione, organizzata dall’asd Atanor e dall’associazione S’Animu, realizzata in sinergia con le istituzioni locali: “Un ringraziamento particolare – conclude Argiolas – va all’ATS Sardegna e al commissario straordinario Giorgio Steri, che, grazie agli esami di screening sugli atleti, hanno consentito lo svolgimento dell’evento in sicurezza, all’assessore regionale al Turismo, Gianni Chessa, e al sindaco di Cagliari Paolo Truzzu”.

LEGGI ANCHE:  Quale Volontariato per quale società? Volontari e nuovi scenari sociali

“Ora – ha concluso Argiolas – puntiamo alla prossima edizione con 600 atleti e 400 accompagnatori”.