Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com Giacomo Cao: "Orgogliosi di aver contribuito alla preparazione di Luna Rossa in vista della Coppa America 2021". - Sardegnagol

Giacomo Cao: “Orgogliosi di aver contribuito alla preparazione di Luna Rossa in vista della Coppa America 2021”.

Il CRS4, il centro di ricerca sardo, ha salutato il team velico di Luna Rossa Prada Pirelli nella base operativa del molo Ichnusa di Cagliari, prima della partenza per Auckland, dove a marzo 2021 si svolgerà la 36a America’s Cup presented by Prada.

Luna Rossa

Una collaborazione, quella tra il CRS4 e Luna Rossa Prada Pirelli team, che dura oramai da sei anni, e in particolare negli ultimi due hanno operato nell’ambito di un progetto congiunto di ricerca e sviluppo, grazie al quale, il team velico ha potuto sperimentare tecnologie emergenti adattandole alle esigenze della nautica, per migliorare i propri risultati durante gli allenamenti.

Una collaborazione prestigiosa per l’amministratore unico, Giacomo Cao: “Il CRS4 è orgoglioso di aver contribuito attraverso il proprio know-how alla preparazione di Luna Rossa in vista della Coppa America 2021. L’auspicio è che la città di Cagliari e più in generale la Sardegna tutta possano essere, in futuro, teatro di intensi allenamenti e competizioni sportive in ambito velico di rilievo nazionale e internazionale. Queste occasioni potranno consentire al CRS4 di mettere a frutto l’esperienza maturata nel settore con un partner così prestigioso in modo da garantire un ritorno duraturo in chiave occupazionale a valle degli investimenti regionali resi disponibili”.

LEGGI ANCHE:  Supercoppa UEFA. Prove tecniche per il ritorno dei tifosi allo stadio.
Luna Rossa
Luna Rossa

Anche per Gilberto Nobili, Operation Manager di Luna Rossa Prada Pirelli team, sono stati anni di proficua collaborazione: “Descrivere il CRS4 e la nostra collaborazione non è semplice. Il contributo che ci ha fornito negli anni è stato veramente importante. Abbiamo trovato qui in Sardegna, a due passi dalla nostra base, non solo delle infrastrutture tecnologiche di eccellenza, ma anche un supporto di professionisti preparati, disponibili e sempre pronti a nuove sfide. Grazie ai progetti sviluppati con il loro supporto, abbiamo potuto esplorare nuove frontiere tecnologiche e spinto noi e la barca verso nuovi traguardi prima nemmeno immaginabili. Con orgoglio posso dire che questa realtà tecnologica, forse poco conosciuta ai non addetti, merita di essere valorizzata sotto i riflettori internazionali come ‘un volto diverso’ della bellissima Sardegna”.

LEGGI ANCHE:  Il Banco vede gli ottavi