Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com Christian Solinas: "La RAI parlerà in lingua sarda" - Sardegnagol

Christian Solinas: “La RAI parlerà in lingua sarda”

“La Rai parlerà in lingua sarda”. Questa la decisione adottata con la firma della convenzione tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento per l’informazione e l’editoria e l’Azienda concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo.

Un lavoro frutto di un costante dialogo istituzionale per il Presidente Christian Solinas: “Diventa realtà un progetto culturale atteso da decenni: la programmazione in lingua sarda sui canali regionali radiofonici e televisivi della Rai, come già avviene per le altre lingue locali in altre Regioni italiane, in base al Contratto di Servizio in vigore. Portare la lingua sarda in Rai, nelle sue varie espressioni, è una prestigiosa conquista e rappresenta un alto riconoscimento del valore e della dignità della nostra identità culturale. Vogliamo che la programmazione radiofonica e televisiva in sardo diventi una vetrina libera, nella quale possa esprimersi al meglio la produzione giornalistica, letteraria, artistica, etnografica, che dia spazio a tutte le sue espressioni nel loro alto valore”.

Soddisfazione viene espressa anche dalla Rai, che, afferma il suo Presidente Marcello Foa: “È orgogliosa di ospitare la lingua sarda nei propri palinsesti, a dimostrazione della sensibilità dell’Azienda verso tutte le espressioni e le identità della cultura del popolo italiano, che rappresenta una risorsa inesauribile della quale la Rai è chiamata a promuovere la diffusione”.

“Nella Regione Sarda – aggiunge l’Amministratore Delegato della Rai Fabrizio Salini – abbiamo trovato un interlocutore attento e determinato, con il quale siamo lieti di condividere l’avvio di un progetto atteso per molti anni, e reso possibile dall’ultimo Contratto di Servizio. L’Azienda è pronta per questa nuova affascinante sfida, che arricchirà ulteriormente l’offerta di una Rai sempre più vicina ai cittadini”.

La programmazione partirà in autunno, con 100 ore di programmazione radiofonica e 22 di programmazione televisiva, incentrate su cultura, attualità, informazione, intrattenimento.

In base alla convenzione, il progetto sarà costantemente monitorato dal un Comitato di Indirizzo composto da Governo, Regione sarda e Rai.

Christian Solinas, foto Sardegnagol riproduzione riservata, 2020 Gabriele Frongia

LEGGI ANCHE:  Solinas ai vescovi: “Regione pronta all'ascolto della collettività”