Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com Scuola, Biancareddu: "Ministro Azzolina continua a non dare risposte" - Sardegnagol

Scuola, Biancareddu: “Ministro Azzolina continua a non dare risposte”

“Resto sempre più perplesso e dubbioso, per non aggiungere altro, sul caos che regna ancora sulla scuola”. Lo ha affermato l’assessore regionale della Pubblica Istruzione, Andrea Biancareddu, dopo la videoconferenza di questa mattina con il Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina, insieme a tutti i responsabili dell’istruzione delle altre Regioni”.

“Purtroppo debbo dire che non c’è certezza di nulla. Dai trasporti al distanziamento sociale, dai docenti al numero delle classi, agli orari. La Ministra non ha detto e dato nessuna informazione utile a dissipare la mia personale perplessità, che è poi quella comune di molti colleghi delle altre Regioni Italiane, su come si potrà aprire in tempo utile la scuola. Non ha neanche affrontato il problema della gestione degli studenti. Ci sarà o meno una riduzione del tempo scolastico effettivo e gli ingressi saranno scaglionati?”.

“Dovrebbero, ci ha detto la Ministra Azzolina, essere effettuati 50 mila assunzioni in tutta Italia tra personale tecnico-amministrativo e personale docente. Prima dovevano essere 70 mila. A copertura ci dovrebbe essere 1 miliardo. Naturalmente tutti questi soldi non ha detto quando li deve spendere né come saranno selezionati gli insegnanti e ovviamente quando saranno fatti i concorsi. Sul Trasporto poi è un mistero. Non è stato chiarito se anche nel trasporto degli alunni ci sarà il distanziamento. Se esiste a scuola non si capisce come non ci debba essere nel trasporto. Il rischio di contagio è più elevato sui mezzi. Non ha chiarito il criterio di ripartizione di questi 50 mila docenti. Su quale base verranno ripartiti sul territorio nazionale e cosa per me più grave, non ha parlato del numero delle classi in più che ci saranno.”

“Ho espresso dubbi sulle tempistiche – ha proseguito Biancareddu- ed essendo stato Sindaco, non credo che dal 5 agosto a metà settembre si possano investire soldi. Nessuna notizia poi sui nuovi banchi. Ad oggi non sappiamo se la gara è stata aggiudicata e quanti abbiano partecipato alla gara. La costruzione dei banchi richiede del tempo che purtroppo sta per finire. Ho paura che arriveremo a quello che è il peggior modello didattico. Quello a distanza, che come ho sempre detto, viola il principio di uguaglianza. Se a questo aggiungiamo che in diversi Paesi non esiste linea, il diritto allo studio lo stai limitando ad un certo numero di studenti, negandolo ad altre, in violazione della Costituzione. Spero che tutti questi interventi prima o poi vengano fatti e portati a termine, non a settembre. Nella replica il Ministro, non ha fissato date. Ha solo una condivisibile speranza che tutto si realizzi magicamente prima dell’inizio dell’anno scolastico. Io ho detto che lo speravo ma non ci credevo. Arredi, spazi e didattica a distanza. Sono tre problemi che non verranno risolti né nel mese di agosto e probabilmente neppure nel mese di Settembre.”

Foto Sardegnagol, riproduzione riservata, anno 2019 autore Gabriele Frongia

LEGGI ANCHE:  Sport, Biancareddu: "Finanziamento integrativo per le squadre di Serie D"