Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com Ppr: Il Consiglio approva la proposta di Legge 153/A - Sardegnagol

Ppr: Il Consiglio approva la proposta di Legge 153/A

Dopo settimane di scontro istituzionale e di serrato ostruzionismo da parte dell’opposizione, la maggioranza di governo, con voti 31 favorevoli, 20 contrari 1 astenuto, ‘porta a casa’ il risultato con l’approvazione della Proposta di legge n. 153/A, sull’interpretazione autentica del Piano paesaggistico regionale.

Una discussione pomeridiana svoltasi in un clima a dir poco rovente, con interventi accesi e piccati da ambedue le parti.

Lavori aperti, dopo le procedure di rito, con la votazione dell’emendamento n. 999, subito sospesa dal presidente Michele Pais a causa della mancanza del numero legale dei consiglieri.

Alla ripresa è intervenuta per dichiarazione di voto favorevole all’emendamento n. 999, la consigliera dei Progressisti, Maria Laura Orru. Di seguito con successivi e distinti interventi hanno dichiarato voto a favore anche i consiglieri: Li Gioi (M5S) Caddeo (Progressisti) Ciusa (M5S) Comandini (Pd) Massimo Zedda (Progressisti) Piscedda (Pd) Alessandro Solinas (M5S) Corrias (Pd) Meloni (Pd) Lai (LeU). Posto in votazione l’emendamento n. 999 non è stato approvato (30 no, 19 sì e 2 astensioni).

Sull’emendamento 1000 è intervenuto il capogruppo dei Progressisti, Francesco Agus, che ha illustrato la proposta di modifica al comma 1 dell’articolo 2 tendente a rafforzare il ruolo del Consiglio regionale ed ha invitato gli esponenti dell’esecutivo ad intervenire nel dibattito, per chiarire e spiegare le ragioni del provvedimento del quale si richiede l’approvazione. Dichiarazione di voto a favore è stata fatta dai consiglieri: Orrù (Progressisti) Desirè Manca (M5S) Loi (Progressisti) Li Gioi (M5S) Ciusa (M5S) Massimo Zedda (Progressisti) Alessandro Solinas (M5S) Piscedda (Pd) Gianfranco Satta (Progressisti) Cocco (LeU). Posto in votazione l’emendamento 1000 non è stato approvato (31 no, 18 favorevoli e 1 astenuto).

Franco Mula, foto SardegnagolSugli emendamenti 1001 e 1002, è intervenuto Gianfranco Satta (Progressisti) che nell’illustrare la proposta di modifica avanzata dalle minoranze ha ribadito le posizioni a tutela dell’ambiente e per la salvaguardia del paesaggio. A favore sono intervenuti i consiglieri: Li Gioi (M5S) Orrù (Progressisti) Lai (Leu) che ha annunciato la cancellazione della sottoscrizione dell’emendamento 1001, contestando di fatto l’accorpamento nella votazione dei due emendamenti decisa dalla presidenza dell’Aula; Caddeo (Progressisti) Piscedda (Pd) Massimo Zedda (Progressisti) Francesco Agus (Progressisti).

Posti in votazione gli emendamenti non sono stati approvati (30 no, 21 sì e 1 astenuto) e sono stati dichiarati decaduti gli emendamenti, 1004, 1012, 1014, 1017, 1023, 1025, 1059, 1057, 1056. Inammissibili gli emendamenti 1003 e 1018. Si è aperta, successivamente, la discussione sull’emendamento 1005 e la consigliera dei Progressisti, Maria Laura Orrù, ha invitato i consiglieri della maggioranza ad “esser prudenti nel procedere con l’approvazione delle norme di interpretazione autentica del Ppr, considerato che la Giunta (a giudizio delle opposizioni spetterebbero all’esecutivo eventuali atti interpretativi delle disposizioni varate dall’allora presidente Soru) ha evitato di disporre gli atti conseguenti”. A favore è intervenuto il consigliere Gianfranco Satta (Progressisti) contro il capogruppo Psd’Az, Mula che ha assicurato il pieno coinvolgimento delle opposizioni nelle eventuali iniziative di modifica al Ppr. Posto in votazione l’emendamento 1005 non è stato approvato (28 no, 18 favorevoli e un astenuto) e il presidente ha dichiarato decaduti gli emendamenti 1006 e 1045.

Sull’emendamento 1024 sono intervenuti a favore i consiglieri Gianfranco Satta (Progressisti) Orrù (Progressisti) Li Gioi (M5S) ma la proposta modificativa posta in votazione non è stata approvata (30 no, 18 sì e un astenuto). Il presidente ha quindi posto in votazione un principio che ha sintetizzato una serie di proposte modificative avanzate dai consiglieri delle minoranze e dopo l’intervento sull’ordine dei lavori dei consiglieri Tunis (Misto) Agus (Progressisti) e Gianfranco Satta, l’Aula non ha approvato il principio enunciato dal presidente Pais che ha quindi dichiarato decaduti gli emendamenti dal n. 1060 fino al 1247.

Daniele Cocco, foto Sardegnagol riproduzione riservataAlla ripresa dei lavori il Consiglio ha proseguito l’esame degli emendamenti, cominciando dal n.1114.

Si sono espressi a favore i consiglieri Massimo Zedda e Maria Laura Orrù (Progressisti) Giuseppe Meloni (Pd) Roberto Li Gioi (M5S). Ai voti, l’emendamento n.1114 è stato respinto. Successivamente è stato respinto anche l’emendamento n.1115.

Sull’Emendamento n.1116 si sono espressi a favore i consiglieri Massimo Zedda, Francesco Agus e Maria Laura Orrù (Progressisti). Ai voti, l’emendamento è stato respinto. Successivamente è stato respinto anche l’emendamento n.1117.

Si è passati poi all’Emendamento n. 1118. Si sono espressi a favore i consiglieri regionali Massimo Zedda (Progressisti) Roberto Li Gioi (M5S). Ai voti l’emendamento n.1118 è stato respinto.

Subito dopo è iniziato l’esame dell’emendamento sostitutivo parziale n. 694 presentato dalla Giunta regionale.

La proposta, in sintesi, riporta in capo alla Regione, sottraendole alla co-pianificazione col Ministero dei Beni culturali, alcune importanti materie: fra queste, la fascia costiera, i beni identitari, le zone agricole e l’edificato in zona agricola.

Massimo Zedda, foto Sardegnagol riproduzione riservataSi sono espressi contro, contestandone fra l’altro la strumentalità, finalizzata a produrre un effetto “tagliola” su altri emendamenti della minoranza, i consiglieri regionali Massimo Zedda, Laura Caddeo, Diego Loi, Francesco Agus, Giuseppe Piu e Maria Laura Orrù (Progressisti) Gianfranco Ganau, Valter Piscedda e Piero Comandini (Pd) Michele Ciusa, Alessandro Solinas, Desirè Manca e Roberto Li Gioi (M5S) Daniele Cocco ed Eugenio Lai (Leu).

Ai voti, l’emendamento n.694 è stato approvato con 32 voti favorevoli, 20 contrari ed 1 astenuto.

Dopo lo scrutinio, come preannunciato, il presidente ha comunicato la decadenza di una serie di emendamenti.

Sull’ordine dei lavori, il consigliere di Leu Eugenio Lai ha annunciato il ritiro degli emendamenti del suo gruppo.  Anche Roberto Li Gioi (M5S) e Valter Piscedda (Pd) hanno annunciato il ritiro dei propri emendamenti.

Subito dopo sono stati respinti numerosi altri emendamenti presentati dalla minoranza. Per i Progressisti, il consigliere Gian Franco Satta ha annunciato il ritiro degli emendamenti del suo gruppo. Successivamente, il Consiglio ha approvato l’art.3 della legge.

Il capogruppo dei Progressisti Francesco Agus, prendendo la parola sull’ordine dei lavori, ha annunciato il tiro dei 6 ordini del giorno presentati, per riproporli anche attraverso mozioni, ha spiegato, in modo da suscitare una discussione più ampia su temi di grande importanza come la revisione del Ppr e la nuova legge urbanistica.

Massimo Zedda (Progressisti) ha dichiarato il suo voto contrario: “Chi ha scritto il testo si è preoccupato solo di eliminare i vincoli. Le strade non interessavano”. Zedda ha quindi letto un passaggio della legge per attaccare gli autori: “Si parla di strade come elemento di sviluppo sostenibile. Non si è capito che il concetto di ecosostenibilità va riferito alle opere da realizzare per tutelarne l’impatto ambientale. Cambiate i consulenti, sostituite i dirigenti e date in mano questi temi a persone competenti”.

Contrario anche il consigliere Roberto Li Gioi (M5S): “Avete usato questa legge come specchietto per le allodole. Noi abbiamo un’opinione e voi i numeri. Abbiamo combattuto per 43 giorni per i nostri figli. Vi abbiamo smascherato. Voi autorizzate il cemento su gioielli unici al mondo, proponete illusori posti di lavoro. Ha vinto la matematica ma l’opinione non ha perso perché abbiamo difeso la verità. Oggi si scrive una pagina nera della storia autonomistica. I sardi valuteranno, non potete impedirglielo”.

Roberto Li Gioi, foto Sardegnagol riproduzione riservataIl capogruppo del Pd Gianfranco Ganau, a nome di tutto il gruppo, ha annunciato il voto contrario alla legge: “Avete fatto valere i numeri e non i valori della ragione. Il Ppr può e deve essere modificato, ma lo si deve fare secondo le regole. Avete fatto un colpo di mano. Avete utilizzato una norma interpretativa per modificare il Ppr sottraendo alla co-pianificazione la fascia costiera, l’agro e i beni identitari. E’ un capitolo rischioso per la tutela del territorio e lo sviluppo futuro dell’Isola. E’ un precedente pericolosissimo, spero che la legge venga impugnata e la Corte Costituzionale intervenga per bloccare questa oscenità”.

Di diverso avviso Antonello Peru (Udc-Cambiamo): “Vi siete divertiti in questi giorni. Avete esagerato, avete detto tutto e il contrario di tutto. Non siamo intervenuti nel dibattito perché si trattava di una perdita di tempo. Abbiamo approvato un articolo che dice che il Ppr non può essere modificato. Avete parlato di brutture, di distruzione del paesaggio ma questa norma non autorizza niente, non autorizza edifici sulle spiagge. Ci sono le sovraintendenze e gli uffici del MiBACT per bloccare questi progetti. Non siamo intervenuti perché non ce n’era bisogno. Vogliamo solo modificare una procedura datata. Avete detto fesserie, chiedete scusa ai sardi”.

Giuseppe Meloni (Pd) ha annunciato il suo voto contrario: “Non mi convincono le motivazioni tardive del collega Peru. Presentare un emendamento come il 694 fa perdere tempo, occorrerà tornare in aula per scrivere una norma interpretativa. Questo emendamento non è scritto in italiano. I sardi si aspettavano altro da voi”.

Anche il capogruppo di Leu Daniele Cocco ha annunciato il suo voto contrario: “Dovete chiedere scusa ai sardi. La gente aspetta altro da voi. Questa mattina abbiamo incontrato i lavoratori della sanità che ci hanno illustrato una situazione drammatica. Attendono risposte anche le imprese e gli enti locali. Avremmo voluto discutere in Aula la legge per gli aiuti alle imprese. Invece avete voluto perdere tempo con una legge che non produrrà effetti. Siamo disponibili a sederci per rivedere il Ppr che comunque, in questi anni, ha dato certezza per proteggere le nostre bellezze naturali”.

Secondo Laura Caddeo (Progressisti) la legge non è necessaria: “Mi dispiace che solo oggi l’on. Peru abbia deciso di manifestare la sua opinione. I sardi capiranno cosa si farà di questa legge? Se lo avessimo detto chiaramente forse lo avrebbero capito. Questa legge va a soddisfare gli interessi di pochissimi, non certo quelli della tutela del paesaggio”.

Maria Laura Orrù (Progressisti) ha ribadito i concetti già espressi nel corso del dibattito: “Chi ha perso tempo non siamo noi. Da dopo Pasqua doveva arrivare in aula la legge “Salva Imprese”, la discuteremo invece solo la prossima settimana. Se governate lo dovete fare per migliorare le cose. Questa è una modifica del Ppr che guarda al passato. Avete usato il pretesto delle strade, oggi siete stati smentiti dal Ministro ma volete andare avanti lo stesso. Il vero obiettivo è sanare abusi e rilasciare concessioni a qualcuno di cui conoscete nome, cognome e indirizzo”.

Fausto Piga, foto Sardegnagol riproduzione riservataFausto Piga (Fratelli d’Italia): “Ascoltare le accuse e gli insulti non è stato semplice in questi giorni, così come non è semplice difendersi da argomentazioni infondate. La realtà è che il Consiglio non ha discusso né il piano casa, né il Ppr, né la legge urbanistica. Abbiamo discusso solo una norma di interpretazione autentica. Non si parla di metri cubi, di cemento o di costruire nella fascia costiera. Avete tenuto il Consiglio in ostaggio facendo una caccia alle intenzioni con affermazioni gravi. Io non conosco nessuno che beneficerà di questa legge. L’ambiente non è di destra né di sinistra. Noi vogliamo proteggere l’ambiente ma non in modo ideologico”.

Diego Loi (Progressisti): “Non si può accettare il capovolgimento strumentale di ciò che è avvenuto. Sarebbe bastato che qualcuno della maggioranza in questi giorni si fosse alzato a parlare e a chiarire e non saremmo arrivati a questo punto”.

Valter Piscedda (Pd), rispondendo all’on. Peru, ha affermato: “Se ci sono stati toni che vi hanno offeso vi chiedo scusa, non mi scuso però sui contenuti . Prima di considerarmi un politico mi considero un uomo e prima ancora un cristiano. Si è parlato spesso, durante la discussione, di Vangelo. Confrontandomi con la mia fede sono convinto di aver condotto una battaglia giusta. Tutto ciò che ho fatto l’ho fatto in coscienza. Adesso su questa legge ci saranno due giudizi: quello dei tribunali amministrativi e quello dei sardi. Vedremo alla lunga cosa succederà”.

A favore della legge si è pronunciato Giovanni Satta (Psd’Az): “Ma veramente siete convinti che abbiamo cambiato il Ppr? Noi non stiamo cambiando nulla. Ci avete processato, avete fatto un processo alle intenzioni dandoci dei cementificatori. Nella nostra proposta facciamo riferimento alle leggi nazionali vigenti. E’ solo un opera di semplificazione. Evitiamo in futuro di fare queste sceneggiate. Anche Gian Valerio Sanna, padre del Ppr, ha dichiarato che va modificato”.

Eugenio Lai (Leu) ha svolto la prima parte del suo intervento in lingua sarda: “Lo voglio dire in sardo ma senza demagogia. State facendo un grave errore. Abbiamo la nostra terra nel cuore. E’ importante lottare per ciò in cui si crede. Lo dirà stasera amia figlia. Anche lei ha il diritto, come tutti i nostri figli, di ammirare le nostre bellezze. Non devono diventare servi nella loro terra ma padroni. Noi non vi abbiamo fatto perdere tempo. Il vostro è un modello di sviluppo del passato che non guarda al futuro. Guarda solamente ad appetiti cementificatori sulla nostra terra”.

Il capogruppo di Forza Italia Angelo Cocciu ha affermato che “la legge è un traguardo importante che ha consentito alla maggioranza di rispettare un punto qualificante del mandato elettorale ricevuto dagli elettori. Abbiamo impostato una riforma di grande portata, che non significa affatto cementificazione ma l’avvio di un processo di superamento del Ppr che, così come è stato concepito, ha bloccato tutto. A breve, faremo un nuovo Piano casa senza mettere mano all’ambiente ma aprendo una nuova stagione di sviluppo”.

Dario Giagoni, foto Sardegnagol riproduzione riservataIl capogruppo del Psd’Az Franco Mula ha parlato di una “nuova pagina di autonomia, attraverso la riaffermazione di un diritto che affonda le radici nella storia del nostro Statuto. Diciamo no alla cultura del sospetto e respingiamo una narrazione catastrofista che ipotizza addirittura la sanatoria di abusi o il ripristino di vecchie lottizzazioni, cose del tutto inesistenti. E’ vero, invece, che molti interventi strategici per la Sardegna sono stati e sono ancora bloccati per l’eccessiva rigidità delle norme in materia paesaggistica”.

Il capogruppo della Lega Dario Giagoni ha messo l’accento sul buon servizio che il Consiglio regionale ha reso ai sardi, con una legge ispirata al fare bene e ad un futuro fatto di sviluppo e di lavoro. Molti, ha ricordato, hanno parlato del Ppr come un bel sogno ma in realtà si è rivelato un incubo del quale dobbiamo liberarci e vogliamo farlo con saggezza e con coscienza.

Il capogruppo dei Progressisti Francesco Agus ha criticato la maggioranza che è intervenuta solo nei minuti di recupero, senza eliminare il dubbio del perché sia stato fatto così tanto per così poco, oltretutto dando sempre letture diverse della legge. A suo avviso “si poteva e si doveva fare altro seguendo altre priorità, come sanità, turismo, efficienza della macchina regionale e conti della Regione. Credo alla buona fede di quanti dicono di non avere interessi ma il dubbio resta, davanti ad una legge del tutto priva di senso giuridico”.

Sull’ordine dei lavori, il consigliere dei Progressisti Massimo Zedda ha osservato che quanto prima va aperta una discussione a tutto campo nelle commissioni competenti sui temi dell’urbanistica.

Non essendoci altri iscritti a parlare, il presidente ha avviato la votazione finale della legge, che il Consiglio ha approvato con voti 31 favorevoli, 20 contrari 1 astenuto. La maggioranza porta a ‘casa’ il risultato.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata.

LEGGI ANCHE:  Anita Pili: "I sardi hanno il diritto di ottenere il metano a un prezzo uguale a quello applicato nel resto d'Italia".